domenica 15 ottobre 2017

Intervista a Pamela Williams

Il Duca di Insubria intervista Pamela Williams, autrice del ciclo fantasy I Baroni del Cielo (Sillabe di Sale Editore).
Duca di Insubria: Normalmente un'intervista di questo tipo inizierebbe con "Di cosa parla il tuo libro?" Ma qui non c'è niente di normale, o per dirla alla Lewis Carrol, "Siamo tutti matti qui". Perciò, cosa diresti a quel branco di matti che ci stanno leggendo, per convincerli a comprare il tuo libro?
Pamela Williams: Ciao, branco di matti!!! No, scherzo… Lo so che lo siete! Mi chiamo Pamela Williams e il libro di cui vi parlerò è il mio primo romanzo: I BARONI DEL CIELO! Questo è il titolo della saga, perché il primo volume si intitola “Il Barone delle Tenebre”! Forte, vero? Se il titolo vi piace è un grosso passo avanti perché quello che scoprirete leggendolo è assolutamente DARK e IMPREVEDIBILE! E non lo dico perché sono l’autrice! PROVARE PER CREDERE!
Pamela Williams
Sono stata abbastanza convincente? Mmm, forse dovrei spiegare un po’ meglio di cosa si tratta… Ecco! Avete presente i draghi di Game of Thrones? Ecco qui non ci sono, almeno in questo… perché nel prossimo ne arriverà uno grandeee, troppo figo! Dovreste vedere come me lo immagino nella mia testa!
Non è una storia che parla solo di draghi, ma anche di demoni, di streghe, di incubi e delle nostre paure, voglio dire… quelle della protagonista!
Ma mi hanno detto che le scene horror che ho descritto se lette al buio fanno paura, quindi LEGGETELO. Vi obbligo.
Lo faccio comprare ai vostri genitori come regalo di compleanno al posto della Playstation!
Non sono per niente brava a sintetizzare, credo l’abbiate capito… Comunque Ivy, la protagonista, è una tosta e anche un po’ rompi… non credo la troverete divertente come Matth, lui sì che è un pazzo, invece! Fa le trazioni appeso a dei tubi di ferro e si diverte a creare congegni strani… è troppo tosto lui! Ah, ci saranno anche delle scene di sesso, quindi… non fatelo leggere ai fratellini più piccoli perché potrebbero spaventarsi o… rubare ancora i giornaletti che nascondete sotto il materasso!
Nota del Duca: le scene di sesso saranno approfondite in un altro progetto che pensavo di chiamare, per il momento, Cinquanta miscele di Earl Gray
Comunque sia, lei avrà a che fare con demoni e personaggi strani, lui… fa il meccanico. Lavora, si fa i fatti suoi, anche se adora farsi quelli della protagonista! No… finirà nei guai… e sarà dura portarlo indietro… Non sapete di cosa sto parlando? LEGGETELO!
Duca di Insubria: Matth è un meccanico hai detto? lo definiresti un personaggio Steampunk, o pensi che potrebbe piacere agli appassionati di questo genere?
Pamela Williams: Assolutamente sì! [Nel primo volume] si parla di un velivolo in stile Steampunk, e le loro scene girano attorno a quello!
[Sospira] Purtroppo non prenderà mai il volo, ma la prima parte del secondo volume sarà incentrata proprio su quel genere, anche se rimaneggiato dalla sottoscritta. [ride] Uno Steampunk stile Mille e una Notte penso, che ricorda in parte Aladdin, fino ad arrivare a quello fumettistico giapponese. Quindi piacerà anche agli amanti del Giappone.
Duca di Insubria: A proposito di pazzie, come ti è venuta l'idea di scrivere un romanzo? Cosa ti ha ispirato?
Pamela Williams: Ho scritto questo romanzo perché, dopo aver vinto un concorso letterario nazionale, l’editore mi ha puntato una pistola alla tempia minacciandomi per farmi scrivere… Ebbene sì, è nato tutto dalla paura che quell'uomo mi sparasse, incredibile! Quando poi gli ho detto che il libro non sarebbe stato di un unico volume, ma di 3 e poi di 5, stava per farlo sul serio!
L’ispirazione non so bene da dove venga o esca… fin da piccola le insegnanti mi odiavano quando c’erano i temi, perché sapevano che, tra tutti, io li avrei fatti più lunghi e strani… La fantasia non è per tutti, purtroppo… Quelle donne non capivano il mio genio! Tentavano in ogni modo di non farmi andare fuori tema!
Poi ho sempre amato i manga! Diventando dipendente da libri e fumetti sono riuscita pian piano a creare più mondi e modi in cui scrivere! E’ strano, perché non so nemmeno io come spiegarmi, ma avete capito, no?
Duca di Insubria: Il titolo invece, come ti è venuto in mente? (è un titolo molto evocativo. Definiresti il tuo libro un romanzo gotico?)
Pamela Williams: Mi piace perché ricorda le nuvole! Mi piacciono le nuvole. Amo le nuvole. Sono speciali. Ti fanno sentire speciale! Volevo un titolo che raggruppasse tutti i sottotitoli di ogni volume e I BARONI DEL CIELO mi sembrava perfetto per indicare la libertà, il modo in cui vivono questi esseri, il posto a cui ambire. Una sorta di paradiso che non può essere raggiunto con la morte, ma con la fantasia. Un luogo fantastico dove avverranno le nuove avventure di Ivy a partire dal secondo volume!
Il primo volume parla del Mondo Vecchio, mentre dal secondo si parlerà del Nuovo, un mondo dominato da esseri sovrumani simili a demoni, ognuno con una caratteristica speciale! Il Cielo, poi, è fondamentale!
Non gotico, ma DARK, questo è il genere del primo volume, i prossimi si evolveranno in altri sottogeneri del fantasy rivisitati appositamente da me per far muovere la protagonista e i personaggi che l’accompagneranno da un luogo all’altro, da un libro all’altro!
Duca di Insubria: Tu sei anche una cosplayer. Quale dei personaggi del tuo libro ti piacerebbe interpretare? Parlaci di lui/lei.
Pamela Williams: Sì, sono una cosplayer professionista e lavoro come presentatrice, ospite o giurata in alcune fiere comics sparse per l’Italia! Ma questa passione è nata dal mio amore per la recitazione: ho fatto un’accademia di 3 anni, seminari e corsi di approfondimento anche con americani dell’Actors Studio di NY, lavorato in alcune produzioni e chi ne ha più ne metta! Sono un’attrice e AMO alla follia il mio lavoro, mi sono avvicinata al cosplay perché ho trovato bellissimo il vestirsi da tutti i personaggi che ci piacciono! Ho interpretato anche alcuni personaggi maschili e sono molto soddisfatta del mio operato! Spero sempre di migliorarmi!
Pamela Williams nei panni di Ivy
Ho già interpretato Ivy in uno spot che ho realizzato insieme ad alcuni amici cosplayer e non vedo l’ora di farlo uscire su tutti i miei social! Ci vorrà ancora del tempo, ma ci stiamo lavorando. Ho voluto fare una prova per testare i personaggi di Ivy e Matth e secondo me è venuto fuori qualcosa di divertente! Però voglio puntare molto più in alto! Quando scrivevo I Baroni l’ho fatto pensando alle scene di un film e non nascondo il desiderio di voler recitare la parte di Ivy a Hollywood [ride] Sarebbe un sogno!!! Tenendo ancora i piedi ben saldi per terra vado avanti nel mio lavoro di attrice anche se non è facile, ma i sogni prima o poi si avverano, me l’ha detto la mamma!!!
Perché di Ivy? Perché io ho ispirato lei, cioè, lei è ispirata a me! Nel mio carattere più scorbutico, altezzoso ed egoista, una parte che non mostro mai a nessuno e di cui quasi mi vergogno, la parte oscura di me che mostravo più quand’ero piccola che adesso… Penso che tutti ne abbiamo una repressa che tenta di uscire sempre nei momenti meno opportuni, ma… Quelli che leggeranno questa intervista non penseranno mica che stia parlando di cacca, vero?
Duca di Insubria: Se qualcun altro/a volesse interpretare lo stesso personaggio, quali consigli gli/le daresti? (sia per l'interpretazione che per il costume)
Pamela Williams: Vi consiglio di fare uscire fuori tutto… SOLO IO POSSO INTERPRETARE IVY!... Non abbiate paura di mostrare voi stesse e liberatevi degli istinti più luridi che tenete dentro… NON AVRETE NESSUNA POSSIBILITA’!... Ma state attente a non cagarvi addosso, perché potreste fare una figuraccia davanti al regista… PAROLA DI PAMELA WILLIAMS!... Per gli abiti consiglio il NERO, total black, SEMPRE, lei è in lutto per via del nonno (no, non è uno spoiler si legge già dalla prima pagina!) quindi siate accorte e prestatele le dovute attenzioni, trattatela bene e scegliete gli abiti NERI con cura, come fareste con un gatto (e lei li odia. Ama le cose che strisciano e le pellicce… anche se non gliene ho fatta mettere una in questo volume…).
Cos'hai da dire sui folletti?
Duca di Insubria: il nonno potrebbe essere lo "Zio Ben" di Ivy?
Pamela Williams: (ride) se vuoi, scrivilo pure!
Duca di Insubria: Qual è invece quello che non ti piacerebbe interpretare, e perché?
Pamela Williams: Oh, mamma… non saprei… beh, il Signor Kendrick è davvero un uomo viscido e pure grasso, quindi probabilmente è lui! Ivy lo detesta e se lo detesta lei, lo detesto anch’io! Poi si veste di verde come i folletti irlandesi… e quelli sì che sono infidi quando fanno i dispetti.
Duca di Insubria: Se dovessi organizzare un gioco di ruolo dal vivo basato sul tuo libro, tenuto conto delle restrizioni di costo e di logistica, quale sede sceglieresti?
Pamela Williams: Per le ambientazioni del primo volume mi sono ispirata ai campi di grano d’estate… Sono magnifici! Rimanevo ore ad osservare le foto su google o, quando capitava l’occasione, li vedevo dal vivo solo per un momento e immaginavo tutte le scene che avrei potuto fare nei miei video e in un ipotetico film!
Le corse al rallentatore sono rimaste tra le mie preferite! Con la musica in sottofondo poi! [sospira] Un capitolo è tutto dedicato a questa bellissima ambientazione, spero lo leggiate con cura e riusciate a immedesimarvi nella scena come ho fatto io con i miei personaggi! Ogni personaggio poi vive le ambientazioni a modo suo ed è divertente scoprire anche come la vedono loro… Per un gioco di ruolo dal vivo sicuramente OBBLIGHEREI le persone a vestirsi da domestici residenti nella villa di Ivy e a stare sotto il sole cocente di una mattina d’agosto per correre tra i campi. SAREBBE DIVERTENTE! E sadico… Anche se i domestici non lo fanno mai. [ride].
Poi ci sono una spiaggia, un bosco, un granaio, una fossa come disegnata sulla copertina del libro e gli interni della reggia, Villa Freya. Per una parte di questa mi sono ispirata alla Reggia di Venaria: il corridoio con il pavimento a scacchi l’ho tratto proprio da questa! Ho immaginato di correre per quel corridoio infinito e infatti… è stato così per Ivy in una delle ultime scene del libro! (Questo forse era uno spoiler).
Duca di Insubria: Immagina invece di poter scegliere qualunque sede tu voglia. Quale sarebbe in questo caso?
Pamela Williams: Non saprei! Non sono molto ferrata per trovare location… Io le immagino o le guardo dalle foto per poi ricrearle dal principio… Avessi i soldoni di Hollywood la ricreerei come si fa di solito per le location immaginarie, altrimenti andrei alla Reggia di Venaria o in altre! Per i campi di grano è pieno ovunque, quindi la scelta è difficile… Le ambientazioni dei prossimi libri, invece, saranno mooolto più complesse di un semplice campo di grano o una reggia, quindi… SOLDONI A MEEE!!!

2 commenti:

  1. Grazie mille per l'intervista! E' stato divertente ahaha XD <3

    RispondiElimina