giovedì 31 ottobre 2019

Terminator - Dark Fate

É tornato... no, non il Terminator, James Cameron.
E si vede.
Dimenticate tutto quello che sapevate sui cyborg dal futuro, questo film cambia le regole e riscrive la Storia.
La trama ignora tutto quello che è successo dopo Terminator 2, e riprende da dove aveva lasciato nel 1991, ma poi se ne discosta in modo radicale.
Credo che il mancato successo di tutti gli altri film, dal 3 al 5, e la serie TV the Sarah Connor Chronicles (di quello mi dispiace un po') sia dovuto al motivo opposto a quello che pensavo fino ad ora, si sono mantenuti troppo fedeli alla storia originale, senza adattarla ai tempi.
Questo film invece, ha il coraggio di andare in una direzione completamente diversa, esplorare nuovi territori, e reinventa il mito per una nuova era.

lunedì 21 ottobre 2019

Treno Storico Gallarate-Luino

I miei lettori più affezionati ricorderanno i miei precedenti viaggi sul Treno Storico della linea del Lago di Orta, ma questa è la prima volta, dopo molti tentativi, che la Victorian/Steampunk Northern Society riesce a organizzare un evento del genere come gruppo.
Nonostante la grande soddisfazione degli organizzatori, e il diffuso interesse tra i soci membri, il numero di partecipanti è rimasto limitato, circa una decina, a causa di un disguido nella prenotazione dei biglietti che ha impedito a molte delle persone interessate di procurarsi il biglietto, pur lasciando le carrozze mezze vuote.
Siamo inoltre riusciti ad attirare l'attenzione della stampa locale.
Partiti da Gallarate di prima mattina, abbiamo attraversato le campagne del Seprio alla volta di Luino, per poi fermarci nel corso del pomeriggio sul Lungolago, dove non sono mancate occasioni di fotografare e di essere fotografati.
Da Luino parte anche una seconda linea storica diretta in Svizzera, probabile destinazione di un futuro viaggio. Le carrozze sono dei rottami delle vecchie Ferrovie Nord, perciò stiamo valutando l'alternativa di un ritorno in battello.
Una volta tornati, siamo stati invitati dal Capostazione all'interno della Sala di controllo della Stazione di Gallarate, un sistema di macchinari che risale agli anni '60 e, pur non avendo molto a che fare con lo Steampunk, rappresenta comunque uno stupendo esempio di archeologia industriale (Dieselpunk?) specie ora che sta per essere sostituita da un nuovo sistema di controllo computerizzato.
La proposta è che la vecchia sala di controllo venga trasformata in un museo, ma è molto probabile che vada perduta (non posso mostrarvi le foto della Sala di Controllo per ragioni di riservatezza).
Questo sito ovviamente sostiene l'iniziativa, per la creazione di un Museo Ferroviario a Gallarate, che rientri in una rete di strutture simili a Saronno e a Busto Arsizio.
Starei correndo troppo se immaginassi una rete integrata di percorsi storici che comprenda anche la Svizzera...  per il momento, è stata ventilata l'ipotesi di una collaborazione con il Dopolavoro Ferroviario di Gallarate in previsione di possibili iniziative future.
Continuate a leggere.

mercoledì 9 ottobre 2019

Il Circo alla Fine del Mondo

Questa è la seconda volta che ho la possibilità di assistere a uno spettacolo della Banda del Sogno Perduto, e la prima che riesco a scriverci un articolo.
Il Circo alla Fine del Mondo forse non è il più grande spettacolo che si sia mai visto, e non ha la pretesa esserlo come altri circhi: è un tipo di intrattenimento della vecchia scuola, realizzato con pochi mezzi, che punta tutto sull'abilità degli artisti.
E di abilità, gli artisti ne devono certo avere: non sono i giocolieri della Banda del Sogno Perduto ad andare in scena.
Piuttosto, loro portano in scena i veri protagonisti, che non sono persone, ma due Forze della Natura ben difficili da controllare per chiunque.
La prima di queste Forze, e delle due l'unica visibile, è il Fuoco.
La Banda del Sogno Perduto dà un significato completamente nuovo all'espressione "Giocare con il Fuoco" e straordinariamente, sono abbastanza bravi da riuscire a non bruciarsi (ma anche abbastanza consapevoli da avvertire il pubblico di non avvicinarsi troppo: le loro esibizioni si apprezzano di più se le si guarda da lontano).
Una strategica combinazione di vampate improvvise che si spengono tanto rapidamente quanto si accendono, e delle lampade stroboscopiche, crea un gioco di luci che non posso definire in altro modo se non brillante.
La seconda Forza è il Tempo.
I costumi d'epoca, opportunamente modificati, trasportano gli spettatori al di fuori del Tempo, in una dimensione sospesa che oscilla tra lo Steampunk e il Dieselpunk, tra il Neo-Vittoriano e il Gotico, che rimanda a Wells e Verne ma ricorda più da vicino Alice che rincorre il Bianconiglio fino a tuffarsi nella sua tana.
Più che un sogno perduto quindi, sarebbe forse più appropriato chiamarlo un sogno in cui perdersi, o magari, con il presentatore Alessandro Colombo a farci da guida tra questi fiammeggianti eppure evanescenti sentieri, anche ritrovarsi, chi può dirlo.
Oltre agli spettacoli, la Banda del Sogno Perduto offre anche lezioni di giocoleria. Sono inoltre affiliati alla Victorian-Steampunk Northern Society, ai cui eventi hanno spesso partecipato. Potete trovare il calendario dei loro prossimi spettacoli sul loro sito o sulla loro pagina FB.
Continuate a leggere.

martedì 8 ottobre 2019

Milano Games Week 2019

Come ho anticipato in un precedente articolo, domenica 29 Settembre 2019 sono stato alla Milano Games Week, la fiera dei videogiochi, che si è svolta negli stessi padiglioni del Cartoomics, ma l'atmosfera è... vagamente... diversa.
Non ho mai fatto mistero di non essere ferrato sull'argomento videogiochi come lo sono in quello dei fumetti: si tratta di un mondo per me semi sconosciuto e pieno di pericoli (nella foto potete vedere uno dei pericoli).
Volevo colmare quella che considero sempre di più come una lacuna, invece ho finito per ritrovarmi a vagabondare per la Fiera senza un'idea chiara di cosa stavo cercando, anzi, senza sapere neppure che domande fare.
La perseveranza però può essere la miglior arma dell'ignorante, e qualche risposta sono riuscito a trovarla lo stesso.
I videogames oggi non sono più semplici giochi, ma veri e propri film, in cui il giocatore è il protagonista, o meglio, il giocatore si cala nei panni del protagonista.
(Ehm, veramente questo era lo stand di Cyberpunk 2077, già che c'ero ho pensato di fare una foto. Il Cyberpunk in generale, e Cyberpunk 2077 in particolare è un. argomento che va un po' oltre il videogioco, perciò lo rimando a un altro articolo).
A differenza dei film tuttavia, la trama di un videogame si sviluppa seguendo un tracciato non lineare. ciò significa che le scelte del giocatore possono modificare, anche in modo significativo, la trama, fino al punto di generare una serie di finali alternativi. 
Questo tipo di narrazione, improntata anche sulla serialità e sulla multimedialità ha cambiato e sta cambiando il modo di scrivere le storie, che non si basano più su una trama, ma su azioni che personaggi ben definiti compiono in un universo con regole e caratteristiche ben precise.
Si tratta di un particolare stile di racconto comune anche ad altri media, primo fra tutti proprio i fumetti, che merita un capitolo a sè.
Ho parlato di Universo, e questo nei videogames fa riferimento principalmente a due cose: il Motore, cioè il codice che manda avanti tutto quanto, che è quello che non si vede, e la Grafica, quello che si vede, e che ha anche fatto nascere una nuova forma d'arte, la fotografia digitale.
Quella che vedete qui sopra non è una vera fotografia, è un'elaborazione grafica realizzata da Cristiano Bonora in AC Unity con il Photo Mode 2018, intitolata Notre Dame.
Si trovava esposta, insieme ad altre, in una vera e propria mostra all'interno dello spazio della Games Week, ed è stata una delle prime cose che sono andato a vedere.
Assieme alle immagini infatti erano esposte delle spiegazioni su come erano state realizzate.
In pratica, la Fiera stessa mi ha offerto gli strumenti per colmare le mie lacune, che ritengo essere uno degli scopi che eventi come questo dovrebbero avere.
Ben fatto.
Infine, la multimedialità sta portando a un ulteriore sviluppo nel mondo dei videogames, che ora non sono più confinati dietro a uno schermo: la Lego, dopo la precedente serie Nexo Knight, ha lanciato il nuovo tema horror The Hidden Side.
Scaricando una particolare app, e poi inquadrando i set con il cellulare, è possibile vedere una scena animata in cui si aggirano spettri e altre misteriose creature della Notte, eliminando la separazione tra il gioco elettronico e quello tradizionale, tra virtuale e reale, fondendo entrambe in quella che viene definita Realtà Aumentata.
Continuate a leggere.

lunedì 7 ottobre 2019

Da un grande Potere

Cari lettori, questo è un articolo che avrei preferito non scrivere, ma sento di doverlo fare, non per me ma anche per voi.
Di solito cerco di evitare le polemiche, ma, la recente e infelice uscita di un famoso personaggio del Cinema riguardo ai "Cinecomics" mi ha... disturbato.
Cercherò, se possibile, di evitare scatti d'ira, per salvaguardare la mia dignità.
Non ho la presunzione di conoscervi così bene, né di parlare a nome vostro, ma se state leggendo questo, immagino che condividiate la mia stessa passione, abbiate incontrato le stesse difficoltà che ho incontrato io, e non vi troviate proprio a vostro agio quando si tratta di esprimere o trasmettere emozioni.

Le grandi emozioni sono il nucleo dei film di questo grande regista.
Ma per chi segue un altro tipo di cinema, le emozioni sono qualcosa di scabroso, di pericoloso, da maneggiare con estrema cura come se si trattasse di esplosivo, o se va bene, qualcosa di intimo, da mostrare solo con chi ci sentiamo al sicuro.

In compenso diamo il meglio di noi quando si tratta di Coraggio, Tenacia, Sacrificio, Responsabilità.

Eppure, se non ci piace mostrare le nostre emozioni, non significa che non le abbiamo, e solo perché siamo forti, pazienti e tenaci, non significa che dobbiamo sopportare tutto.

Dire che il Cinecomic non è cinema, è come dire che Sherlock Holmes non è letteratura perché non è Don Quixote de la Mancha. Sono due forme di letteratura molto diverse, che appartengono a due periodi diversi e a nazioni diverse, ma sono entrambi letteratura.
Come dicevo giorni fa a un'amica, Cinema è una specie di termine ombrello, che vuol dire tutto e non vuol dire niente: Via Col Vento é Cinema, Rambo é Cinema, una commedia natalizia é comunque Cinema, pessimo cinema magari, e io non andrò mai a vederne una, ma non mi sognerei mai di dire che non è Cinema. Perché anche la pessima commedia natalizia, per quanto mi dispiaccia ammetterlo, merita lo stesso rispetto di qualunque altro film.

Ed é proprio questa la parola chiave: rispetto.

Noi appassionati di Fumetti lottiamo da anni per il rispetto, perché venga riconosciuta alla nostra Arte la stessa dignità di tutte le altre. Dopo anni passati ad affrontare ogni genere di insulti, e resistendo stoicamente come i grandi Eroi che ci ispirano, pensavamo di esserci riusciti.
E invece, eccoci da capo.

Penso a due persone che conosco, uno che ha superato una chemioterapia grazie al Cosplay, e l'altra che lotta contro una malattia degenerativa vestita da FemLoki, e ha trasformato la sua sedia a rotelle in un trono; penso a un amico che mi ha ispirato con la sua reinterpretazione dell'ultima scena di Avengers Endgame, assieme a sua moglie che ha conosciuto proprio grazie ai film Marvel, o alla ragazza sconosciuta che in un commento ha scritto "Mi sono sentita come al liceo, come se tutti questi anni non fossero passati", e io capivo il suo disagio perché era stato il mio.

Sorella, se stai leggendo questo, non sei sola, e se non posso aiutarti, ti vendicherò.

Solo perché qualcuno vuole vedere forti emozioni, non significa che altri siano obbligati a mostrarle, proprio come, se io voglio vedere una donna nuda, non significa che lei sia obbligata a spogliarsi.
Nessuno ha il diritto di mettere a disagio qualcun altro per il proprio o altrui piacere, nemmeno se è famoso, nemmeno se è un grande artista, perché noi non siamo né pagliacci né prostitute.
Nessuno poi, nemmeno il regista più bravo della storia di Hollywood, può considerarsi al di sopra di qualunque critica (a proposito, se volete dirmi qualcosa, i commenti sono qui sotto).

Per aggiungere l'insulto all'ingiuria, la nostra reazione, forte, ma comprensibile, è stata chiamata su un sito specializzato "tifo che è andato oltre il buon senso", ma non è così: un tifoso è un fanatico, che dà per scontato che a tutti debba piacere per forza quello che piace a lui, perché piace a lui.
Per contro, lo stesso Stan Lee ha detto "Se non ti piacciono i fumetti, non leggerli".
Io di sicuro non morirò, se non lo fai. Ma non insultare chi lo fa.
"Ma non voleva insultare nessuno" è stato detto, "ha solo espresso una sua opinione". E questo è parte del problema: viviamo in un'epoca in cui le opinioni si sono sostituite con la forza ai fatti, e l'offesa gratuita è diventata uno stile di vita. Per accorgersene, basta guardare i politici,  le news e la rete, non solo in questo paese ma in tutti: Potere senza Responsabilità, ecco a cosa ci ha portato la continua ricerca di forti emozioni.
Se poi chi ha parlato volesse offendere o meno, è irrilevante: le parole hanno potere, per questo io scelgo con estrema cura ogni parola che scrivo, e da una persona famosa e di così grande esperienza, mi sarei aspettato qualcosa di meglio che insultare migliaia di persone senza nemmeno accorgersene.
Perché da un grande Potere, derivano grandi Responsabilità.

giovedì 3 ottobre 2019

Joker

Vorrei iniziare mettendo a tacere le polemiche che hanno accompagnato l'uscita di questo film: nessuno, sano di mente potrebbe mai emulare il Joker. Nessuno, per quanto pazzo, potrebbe mai emulare il Joker. Nessuno, proprio nessuno, potrebbe mai emulare il Joker. Nemmeno il Joker.
Perché non c'è niente da emulare.
Joker non ha uno schema che si possa ripetere, Joker non è spinto dall'avidità o dal rancore, dalla vendetta (altrimenti sarebbe Batman) da motivi politici (altrimenti sarebbe Magneto) Joker non è un'arma sfuggita al controllo (quello è Wolverine) e neppure una parodia della società (quello è Judge Dredd). 
Il vero messaggio di questo film é se cercate un senso in quello che fa il Joker, non ne troverete nessuno, se cercate il punto in cui Joker perde la ragione, lasciate perdere, Joker non ha perso la ragione, Joker non l'ha mai avuta.
A lasciare sconvolti di questo film, non è quello che si trova nella mente del Joker.
La follia, l'impulso omicida, alla fine ce li possiamo anche aspettare.
Sconvolge quello che manca.
Cosa scatena il Joker? Niente.
Cosa vuole il Joker? Niente.
Ma allora, cosa ferma il Joker? Niente.

martedì 1 ottobre 2019

Kenoia nel suo ambiente naturale

Ben ritrovati, cari lettori del Duca di Insubria. L'articolo di oggi tratta un argomento di grande interesse naturalistico, passo quindi la parola al nostro redattore scientifico, il Dr. Pazzo.
Buon giorno Dottore.

Il Dr. Pazzo (foto di Repertorio)
Eh, cosa? Ah, buon giorno Signor Duca.
Come ben sapete, l'Insubria non è solo una regione storica e culturale con una peculiare identità, è anche una bio-regione ecologica con una flora e una fauna dalle caratteristiche uniche.
Oggi parliamo di una specie molto rara, le cui abitudini non sono ancora del tutto conosciute, nota ai biologi con il nome di Kenoia (Nome scientifico: Kenoia Kenoia).
Kenoia è un mammifero della famiglia dei Kerency. Oltre ad essere estremamente rara, si tratta di una creatura molto timida, difficile da incontrare, che è il motivo della scarsa conoscenza che abbiamo di questa specie, mentre conosciamo con un buon margine di certezza il suo ambiente naturale: le fiere dei videogiochi.
Tipico esemplare di Kenoia
Dopo un estenuante ricerca nel selvaggio sottobosco della Milano Games Week, sono finalmente riuscito ad avvistare, e persino a fotografare un esemplare femmina della specie, circondata da una nidiata di pulcini.
Un vero e proprio miracolo scientifico:  a causa dei cuccioli infatti, questa Kenoia non era in grado di spostarsi né di nascondersi.
Sembra che le femmine conducano una vita piuttosto sedentaria: sono i maschi della specie, chiamati Marcy, a perlustrare il territorio in lungo e in largo alla ricerca di cibo. Per questo motivo, la maggior parte degli esemplari avvistati fino ad ora erano femmine.
Oltre alla ricerca di cibo, il Marcy adulto ha anche un altro compito: proteggere la femmina dal predatore naturale della Kenoia, la terribile Yandere.
Una Kenoia circondata dai suoi pulcini
Ogni volta che incontra una Yandere, il Marcy dà l'allarme, lanciando il suo richiamo caratteristico: "MAAAAAAARTY!" che la femmina riesce a sentire anche a chilometri di distanza, per poi scomparire nel sottobosco con una rapidità impressionante.
Come scienziato, ho avuto il privilegio di essere il primo ad assistere a una scena del genere.
La Yandere tuttavia è un predatore astuto,  e non sempre Kenoia riesce a sfuggirle. Un inseguimento può essere uno spettacolo raccapricciante, specie se l'atmosfera è bassa. In questo caso, una madre Kenoia lotterà disperatamente per difendere i propri piccoli, mentre la Yandere la insegue lanciando il suo urlo caratteristico: "Notice me, Kenoia!"
Il tipico predatore di 
Kenoia: la Yandere
Low School Atmosphere
Con un'atmosfera bassa, la Yandere tende ad assumere una colorazione più cupa. In questi casi, Kenoia tende a trovarsi in notevole difficoltà, motivo per cui compie sforzi non indifferenti per evitare che l'atmosfera si abbassi troppo, anche a costo di fare ricorso ai Cheatcode.
Terminata la Stagione delle Fiere, Kenoia si rifugia nella sua tana ed entra in una fase di semi-letargo detta Apatica.
KeNoir
Durante questa fase, Kenoia non abbandona quasi mai la tana, nutrendosi esclusivamente di Like, visualizzazioni e di Easter Egg.
Gli esperti ritengono che questa fase, per quanto solitaria, sia strettamente connessa al processo riproduttivo della specie: si tratta di un aspetto ancora poco conosciuto, ma si ritiene che Kenoia si riproduca postando video.
Da ogni nuovo video nascerebbero delle larve note come iscritti al canale (cliccate qui per iscrivervi).
Non tutti gli studiosi sono però concordi su questa teoria, esiste infatti una poco accreditata teoria alternativa secondo la quale da una Kenoia adulta nascerebbe una nidiata di piccoli sgorbi noti come Ciabatta.
Una specie affascinante, minacciata però, come molte altre, dai rapidi cambiamenti del Clima e delle condizioni d'uso di Youtube.

Grazie Dottore per la sua esauriente spiegazione.
Se anche voi volete contribuire a salvare Kenoia dall'estinzione, iscrivetevi al suo canale.
Continuate a leggere.

venerdì 20 settembre 2019

Steampunk Tea & Horses - Borgo di Mustonate

Domenica 15 Settembre 2019 la prestigiosa Victorian Steampunk Northern Society é stata ospite del  Fotoclub La Focale di Bugubbiate per una sessione fotografica all'aperto.
Il raduno ha avuto luogo al Borgo di Mustonate, una zona neo-rurale poco fuori dalla città di Varese, e per la precisione all'interno della tenuta delle Scuderie, che sono la principale attrazione della del borgo.
Nelle intenzioni degli organizzatori, l'evento avrebbe dovuto essere un tè all'aperto con sessione fotografica, che avrebbe dovuto concludersi con un giro in calesse, messo a disposizione dalle Scuderie stesse.
Il calesse c'era, e siamo anche riusciti a fare una foto dell'ultimo minuto prima di recuperare tutto il nostro armamentario retrò e andarcene, peccato però che mancasse il cavallo (a quanto ho capito, non era la stagione dei cavalli; con l'approssimarsi dell'inverno, devono già essere andati in letargo, nonostante la giornata fosse ancora calda) per cui alla fine, come nelle peggiori barzellette, siamo stati costretti ad andare a piedi.
In realtà, un cavallo o due, in lontananza, li ho anche visti, ma è probabile che si trattasse di esemplari selvaggi, data la ben nota prossimità della Provincia di Varese al Nebraska.
Ben più proficua è stata invece la sessione fotografica, per la quale lo scenario neo-rurale del Borgo, con il Lago di Varese all'orizzonte, era l'ideale sfondo romantico.
La nostra compagnia di Neo-Vittoriani si è trovata più che a casa nel gazebo che vedete qui accanto, il quale, affacciandosi proprio sul lago, nonché offrendo uno scorcio sulle montagne, non poteva che essere il nostro naturale palcoscenico.
La maggior parte delle  foto sono state scattate lì, il pic-nic invece si è svolto poco più in là, all'ombra di alcuni alberi dove è comparso un vero e proprio salotto a cielo aperto, completo di servizi da tè, sgabelli imbottiti e candelieri, dove sono stati serviti veri dolci fatti in casa, muffin, biscotti al burro e tè verde aromatizzato.
A essere sinceri, il tè era stato comprato al supermercato, poiché la Victorian-Steampunk Northern Society non dispone (ancora) di un forno a legna portatile su cui far bollire la teiera.
Una nota a margine, ma di non poca soddisfazione, è stato l'interesse che la nostra presenza ha suscitato tra i clienti del vicino ristorante, la Tana dell'Orso, i cui clienti si sono affollati lungo la staccionata che divideva le Scuderie dal parco per osservarci.
Grande l'interesse soprattutto da parte dei bambini, che sono rimasti incuriositi e giustamente impressionati dai nostri costumi (il che fa ben sperare per un passaggio della cultura Steampunk alla prossima generazione) ma anche da parte dei genitori, in particolare le madri, sorprese ma anche affascinate da una vista così inconsueta.
Anche se non é stato il miglior evento a cui la Victorian-Steampunk Northern Society abbia mai partecipato,  ci siamo divertiti lo stesso, e abbiamo tenuto alto il nostro stendardo e il nostro nome.
Continuate a leggere.

martedì 17 settembre 2019

Lindsay Stirling in Concerto: Artemis Tour (Milano)

Lindsay Stirling è una musicista che è riuscita a trasformare uno strumento classico come il violino in un viaggio imprevedibile oltre l'ignoto, in un mondo di sogno che solo lei riesce a creare.
La copertina dell'Album ARTEMIS
foto scattata dal vivo sul mio tavolo
Il 14 Settembre 2019, il tour per il lancio del suo nuovo album, Artemis, l'ha portata per una sola notte ad attraversare l'incubo distopico che noi chiamiamo Sabato Sera a Milano, e a esibirsi su un palco situato proprio nel centro dell'incubo, un locale i cui interni sembrano disegnati da H.R. Giger il cui nome, molto appropriato, è Alcatraz, perché Arkham era troppo raffinato. Normalmente non ci entrerei neanche morto.
Ma... Lindsay Stirling.
L'Alcatraz di Milano è un posto così orribile che non è nemmeno citato sul vocabolario alla voce "Orribile": vive in un luogo dell'orrore tutto suo, come la sommersa R'lyeh. Gli attacchi di panico che tendono a scatenarsi quando mi trovo in luoghi chiusi e affollati, lo renderebbero per me del tutto inabitabile.
Ma... Lindsay Stirling.
Il tema dell'album è la Dea Artemide che si materializza in una desolazione urbana che richiama in modo diretto i classici del Cyberpunk come Blade Runner, Johnny Mnemonic o Ghost in the Shell, per poi tuffarsi in una dimensione mistica guidata dalle note.
Strano come tutto questo sembrava sposarsi, anzi era quasi sottolineato dalla cornice claustrofobica del locale, e neppure la pessima acustica e la quasi impossibilità di riuscire a vedere il palco sono riusciti a rovinare lo spettacolo. O Lindsay Stirling è un genio anche nella scelta delle location, oppure gli Dei hanno trovato il modo perfetto di far entrare nelle teste del pubblico quello che diceva.
A un certo punto, se mi si perdona la metafora, mi sono sentito come un albero che, trovandosi a crescere nel profondo di un abisso, allunga i suoi rami in alto verso la luce. Ho scoperto qualcosa in più anche sulla stessa Lindsay Stirling: non é soltanto una brava violinista, ma, per quel poco che sono riuscito a vedere di lei, sembra anche una persona meravigliosa, in grado di restituire l'incanto al mio universo, proprio in un momento in cui, per qualche motivo, mi trovo a notare come sotto un microscopio ogni difetto in ciò che mi circonda. ma resta sempre una pallida luce in lontananza, una musica stregata in sottofondo...
Ho anche scoperto che una delle sue fonti di ispirazione é Amy Lee, ex vocalist degli Evanescence, che compare nella sesta track dell'album, Love Goes On and On. Dovrei avere ancora da qualche parte il single di Bring Me to Life, che ricordo essere stato un'ancora in un periodo di forte depressione... tuttavia, se Artemis si è guadagnato un posto nella mia collezione di CD, molto probabilmente sarà accanto a The Journey So Far di Loreena McKennith e alla colonna sonora del film Terminator.
Può sembrare strano accostare Lindsay Stirling a Terminator, ma credo che abbiano una cosa in comune: niente li può fermare.
Continuate a leggere

martedì 3 settembre 2019

La Grigliata delle Tre Associazioni

L'inizio di Settembre è una sorta di periodo grigio per molti: l'Estate non è ancora finita, ma la maggior parte di chi era in vacanza è già tornato.
L'Autunno tuttavia è anche il periodo di maggior fermento per chi gioca di ruolo, forse a causa dell'avvicinarsi di Halloween, o forse perché, dovendo per forza tornare a scuola o al lavoro, la mente ha bisogno di qualcos'altro su cui concentrarsi per non andare in pezzi.
Una campagna di Giochi di Ruolo però, specialmente se si tratta di un Live, non si organizza da sola: i Master devono riunirsi per discutere le trame della nuova stagione, l'affitto delle location ed eventuali modifiche al regolamento. E allora, perché non approfittare degli ultimi giorni di sole per organizzare una bella grigliata?
Tra l'altro, questa è anche un'opportunità, per le varie associazioni, di incontrarsi tra loro, magari per organizzare  attività in comune o concordare spazi co-gestiti alle fiere.
Domenica 1 Settembre 2019, lo Spazio Master di Rho, già noto per aver fatto da palco a diversi Live di Aeterna Nox e ad almeno uno della più recente campagna LARP di Necromunda, ha ospitato tre di queste associazioni: lo storico Terzo Conclave di Saronno, Ethernia Live e Cronache d'Ombra, di cui abbiamo già parlato e che ha organizzato l'intero evento (e intendo proprio tutto: nella foto in alto potete vedere il presidente di Cronache d'Ombra occuparsi della griglia).
Terminato il pranzo, il testimone è passato agli ospiti di Ethernia Live, che hanno allestito e diretto l'area giochi in una delle salette interne. l'area giochi contava tre tavoli, anche se ne sono stati utilizzati solamente due: il primo per un gioco di carte molto particolare, mentre sul tavolo principale si è svolto un Pen & Paper one-shot ambientato nel Vecchio Mondo di Ethernia, ambientazione in cui si svolge la campagna live dell'associazione, in modo da permettere a nuovi giocatori di conoscere la storia e, se ne hanno voglia, di partecipare al Live. Qualcuno invece ha preferito restare nel cortile per un'improvvisata sessione di scherma con le spade in lattice.
Sebbene tentato dal fascino trash del gioco di carte e attratto dalla possibilità di prendere una spada in mano, alla fine ho deciso di lanciare i miei dadi in un caro vecchio Gioco di Ruolo Fantasy, come non facevo da troppo tempo.
E ne sono stato ben felice.
L'ambientazione era originale pur senza discostarsi troppo dai canoni classici del genere, il regolamento homebrew ma ben equilibrato, e i Master preparati a dovere.
Ci abbiamo messo buona parte del pomeriggio per preparare le schede, e siamo rimasti a giocare fino a tarda sera, saltando la cena (non che, dopo la grigliata, qualcuno avesse troppa voglia di cenare).
In altre parole, una serata perfetta.
Continuate a leggere.

venerdì 19 luglio 2019

Grand Guignol de Milan: l'Apprendista Vampiro

Ben ritrovati, miei cari lettori. So che siete tutti stanchi e accaldati, e che state contando i giorni che mancano prima di partire per le vacanze.
Anch'io.
Non potevo tuttavia preparare le valigie, senza aver assistito al nuovo spettacolo del Grand Guignol de Milan, l'ultimo della stagione.
La consueta scaletta di quattro storie, inframezzate da vari numeri di macabro varietà, seppur classica, non è più l'unica, infatti la Rappresentazione se ne discosta ancora una volta per proporci qualcosa di diverso: un viaggio nella mente contorta di un serial killer, ispirato da veri articoli di giornale degli anni '40 e dalla biografia del criminale, scritta da lui stesso e perciò tutt'altro che affidabile, ma cosa lo è negli indistinti e fallaci panorami del Grand Guignol?
Un atto unico di quasi due ore, una singola storia ininterrotta con un cast ridotto all'osso (in tutti i sensi; e a volte non rimane neanche quello): solo quattro gli attori (Agnese Grizzaffi e Christian Fonnesu, con la cospicua assenza di Miki Barbieri Torriani che compare in scena solo verso la fine) al posto dei consueti sei o sette. Tre di loro poi, sembrano svolgere un ruolo per lo più di supporto. All'inizio quasi non si vedono, restando confinati dietro le quinte, o se appaiono, lo fanno come ombre indistinte il cui unico scopo sembra quello di morire, e male.
Ripeto, sembra, perché mai come ora il Gran Guignol mostra ogni cosa sotto una luce distorta, spaventosa e destabilizzante anche più di quanto siamo abituati.
Il peso del pubblico ricade, per questo, quasi tutto sulle spalle di Gianfilippo Maria Falsina Lamberti, nel multiplo ruolo di regista, presentatore, protagonista e voce narrante.
Poco alla volta però, gli altri personaggi sostituiscono la loro narrazione alla sua, in un gioco di incastri che dimostra quanto il Grand Guignol sia stato profondamente maturato dalle esperienze londinesi.
I ruoli si invertono, con una folla di personaggi che salgono, letteralmente, alla ribalta, scambiandosi insulti e coinvolgendo anche il pubblico nei loro dibattiti.
Il protagonista si ritrova invece confinato in un angolo, ma solo per poi tornare al centro della scena in un perverso, ma sconvolgente, monologo finale dal patibolo, prima che le luci si spengano.
Credo che sia la prima volta, nella storia del Grand Guignol, in cui Gianfilippo Maria Falsina Lamberti muore in scena, invece di uccidere qualcun altro.
Tutto questo coincide con il ritorno del Grand Guignol allo Spazio Tertulliano.
Considerevole, anzi, superiore al solito, l'affluenza di pubblico, che non si preoccupa neppure di nascondere il proprio apprezzamento per lo spettacolo, nonostante il caldo infernale (di certo molto appropriato) all'interno del teatro.
Una replica dello spettacolo si terrà venerdì 26 luglio in Via Chiesa Rossa 55 a Milano.
Continuate a leggere.

giovedì 11 luglio 2019

Spider-man: Far from Home

Direi che possiamo tranquillamente seppellire la Trilogia di Spider-man di Sam Raimi e anche il reboot. Questo è Spider-man, con tutto lo stile di Spider-man, l’inconfondibile umorismo di Spider-man e la solita fortuna di Peter Parker.

venerdì 21 giugno 2019

giovedì 6 giugno 2019

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

LE ATTIVITÀ DEL BLOG SARANNO TEMPORANEAMENTE SOSPESE PER ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE.
RINGRAZIO I MIEI LETTORI PER LA LORO PAZIENZA

giovedì 23 maggio 2019

Novegro Spring 2019

L'edizione d'Autunno, scusate, di Primavera del Festival del Fumetto di Novegro, quest'anno è stata all'insegna... della Legge di Murphy.
Non che la fiera in sé avesse qualche difetto o un calo di qualità o nei servizi, al contrario, da questo punto di vista continua a migliorare.
Quando però ci si mettono di mezzo la pioggia e il freddo, che hanno impedito la consueta scampagnata e reso più difficili le sessioni fotografiche all'aperto, quando proprio nello stesso week-end le strade sono intasate a causa dell'arrivo del politico di turno (se a Como non era il benvenuto, quando è arrivato da noi abbiamo acceso il Batsegnale) e il previsto incontro della Victorian/Steampunk Northern Society non c'è stato, a causa non solo del Meteo, che quest'anno non è nostro alleato, ma anche di una leggera indisposizione della nostra Presidentessa (che speriamo di rivedere, di nuovo in forma, al Victorian Rendez Vous di Gallarate) anche la miglior organizzazione del mondo non può farci gran che.
La sfortuna si è accanita anche su di me, e per diversi motivi non ho potuto fare più di una breve visita. Vorrei ringraziare le persone che ho incontrato, per il loro sostegno, e rassicurarle che il problema è stato risolto.
Grazie a tutti, questo sito continuerà ad andare avanti anche per voi.
Sono felice di constatare che il Festival di Novegro sta diventando un punto di riferimento sempre più importante per la Comunità Nerd non solo della Lombardia, ma di tutto il Nord Italia e anche della Svizzera, ma che questa comunità cresce anche oltre Novegro, e vive e prospera nonostante le avversità.
L'Adeptus Mechanicus sta già 
lavorando a una soluzione
La Fiera stessa, che nella passata edizione sembrava faticare nel gestire gli spazi a fronte del sempre crescente numero di visitatori e di offerte, sembra ora impegnata in una complicata partita di Tetris per accogliere ogni espositore, ogni associazione e ogni gruppo Cosplay.
Uno sforzo di logistica non indifferente, e il risultato è uno spazio espositivo meno caotico e in apparenza più variegato rispetto alla passata edizione.
Il problema tuttavia rimane: il Parco Esposizioni ha ormai raggiunto la sua massima capacità di ospitare qualcosa che continua ad aumentare di dimensioni, e in una delle prossime edizioni potrebbero essere necessari dei soppalchi per ospitare tutti.
E.M. Craft
É possibile che stiamo diventando vittime del nostro stesso successo? Preferisco pensare che abbiamo raggiunto un punto di svolta, e che ci occorre, per proseguire, una maggior consapevolezza di noi stessi e delle nostre possibilità, ma anche una maggior chiarezza dei nostri obiettivi.
La determinazione e la forza di ciò che siamo ci ha portato fino qui, ma ora è necessario andare oltre: è arrivato il momento, per noi Nerd, di lasciare il nostro segno nella Storia, e non più accontentarci di essere accettati.
Continuate a leggere.

martedì 14 maggio 2019

Milano Comics & Games 2019: Introduzione

Milano Comics & Games (che a dispetto del nome si svolge nel Polo Fieristico di Malpensa, che a dispetto del nome si trova a Busto Arsizio) potrebbe essere un evento minore, un semplice preludio alla ben più importante riunione di tutti i Nerd della Lombardia e oltre che è Novegro.
Non é così: se Novegro è la Fiera delle mille voci, dove tutti si riuniscono e tutti si incontrano (infatti, io penso che dovrebbe essere Novegro, e non Lucca, l'evento principale dell'anno) Malpensa è dove va chi ha qualcosa di importante da dire: se devi fare un annuncio, o hai qualcosa che vorresti mostrare agli altri, al Milano Comics & Games puoi essere certo di avere il palco tutto per te.
In questa edizione in particolare, sul palco di Busto Arsizio sono successe tante cose, alcune delle quali potrebbero rimanere nella storia dei Nerd Lombardi e piemontesei sono salite molte persone... me compreso.
Qui il Dr. Pazzo è come uno di famiglia.
Della Famiglia Addams, cioè...
O meglio, compreso il Dottor Pazzo, che ormai sul palco di Malpensa è quasi di casa: qui ha esposto per la prima volta la sua Teoria della Convergenza Ciclica, e sempre qui si sono svolti i suoi primi esperimenti con il misterioso Isotopo Bn (Beta-Ennesimo).  Per fortuna, la fuga di radiazioni è stata abbastanza contenuta da non rendere necessaria l'evacuazione della Fiera, ma se qualcuno che si trovava lì dovesse accusare strani sintomi nei prossimi giorni, come nausea, vomito, trasformazione in uno pterodattilo gigante, per favore contatti immediatamente il Laboratorio di Bio-medicina Sperimentale dell'Università dell'Insubria.
A prescindere dal Dr. Pazzo tuttavia, credo che sia proprio questa la prima e migliore caratteristica di Malpensa Fiere rispetto a Novegro: il fatto di essere un terreno di sperimentazione.
Il mondo Nerd (e ormai non più solo quello) è un mondo che cambia con sempre maggior velocità, per essere in grado di andare avanti è necessario imparare sempre cose nuove, e impararle in fretta.
Novegro è dove metti in pratica tutto quello che hai imparato, e dove confronti i tuoi appunti con gli altri e quando hai finito ti fermi a parlare con loro, ma è al Milano Comics & Games che sei andato a impararlo, non c'è miglior scuola, io penso, del Milano Comics & Games.
Malpensa anzi è un vero e proprio laboratorio, da cui non esci nello stesso modo in cui sei entrato.
Forse è per questo che il Dr. Pazzo ci si trova così a suo agio.
Continuate a leggere.

martedì 7 maggio 2019

Necromunda GRV: Immortal Kombat Arena

Nuova sessione del Gioco di Ruolo dal Vivo Amatoriale ambientato nei tunnel dell'Underhive di Necromunda. Prima di continuare però, è necessario un disclaimer:

QUESTO BLOG É FEDELE ALL'IMPERATORE.

LO SI GARANTISCE LIBERO DA QUALUNQUE CONTENUTO ERETICO.
LA PRESENZA DI XENO, PSYKERS, MUTANTI E/O SEGUACI DEL CAOS ALL'INTERNO DELLO STAFF NON SARÀ TOLLERATA IN ALCUN MODO.
GLI ERETICI RESPONSABILI DEL PRECEDENTE ARTICOLO [CENSURA] SONO STATI ESPULSI DALLO STAFF E DEBITAMENTE SEGNALATI ALL'INQUISIZIONE.
ERETICI, NELL'AFFIDARVI ALLA PIETÀ DELL'IMPERATORE, NON POSSIAMO FARE ALTRO CHE AUGURARVI CHE LA VOSTRA MORTE, ANCORCHÉ BRUTALE, SIA PER LO MENO RAPIDA.


L'IMPERATORE PROTEGGE.

Noi usiamo il pugno di ferro contro i
nemici dell'Imperatore.
Letteralmente.
Anche se siamo riusciti (per il momento) a scongiurare l'Exterminatus, per gli abitanti dell'Hive Primus di Necromunda, le cose non si mettono bene.
I Tekno-Barbari
Il reattore nucleare che alimenta i sistemi di supporto vitale della colonia, dopo più di mille anni di mancata manutenzione, rischia di inondare gli impianti di ventilazione di letale aria radioattiva.
Anche se ci fosse ancora qualcuno che ricorda come funziona tuttavia, la manutenzione sarebbe impossibile sotto i colpi dei Tekno-barbari che stringono d'assedio il Castracalvarium.
Mentre i nostri guerrieri tentano inutilmente di respingere l'invasione sparando su chiunque capiti, incluse donne e bambini, il Gildano (il capo della Gilda del Commercio) riesce a raggiungere un accordo con il capo degli assedianti, che si proclama Immortale e afferma di essere un profeta che parla a nome dell'Imperatore.
I più forti tra i difensori dell'Underhive affronteranno i più forti tra i Tekno-barbari in una disfida, e il vincitore controllerà tutto l'Underhive, almeno finché non verrà distrutto. Durante il combattimento però, succedono strane cose: armi che si inceppano, spade che sfuggono di mano, persino scarpe che si slacciano. Il motivo è presto chiaro: il barbaro, in assoluto disprezzo della Verità Imperiale, ha uno stregone Psyker al suo servizio.
Lo Psyker
Colpiti dal potere della sua mente, i nostri guerrieri cadono uno dopo l'altro, ma la Rovinosa Possanza dell'Immaterium nulla può contro la Vera Fede nell'Unico Vero Signore dell'Umanità, il Nostro Imperatore che è su Terra: l'inganno viene quindi presto svelato.
Una volta compresa la Verità, nel Castracalvarium scoppia subito l'inferno (beh, più del solito): non più sorretto dal potere dello Psyker, il Campione dei Tekno-barbari si accascia e cade al suolo.
Il Campione dei Tekno-Barbari sconfitto
Il suo signore, da selvaggio suo pari, non rispetta gli accordi e tenta di lanciare le sue orde in un nuovo assalto, ma la folla gli si rivolta contro al grido di Falso Profeta e di Eretico.
A porre fine alla battaglia, per cupa ironia, è proprio lo Psyker, che scatena tutto il suo caotico potere su chiunque e qualunque cosa per coprirsi la fuga.
Continuate a leggere, l'Imperatore Protegge.